Archivi del mese: luglio 2011

Un mese dopo…

E’ passato un mese dall’ultimo post. I bimbi hanno fatto 3 settimane di mare e sono cresciuti in larghezza e saggezza. A., che d’ora in avanti chiameremo Abelardo (nomignolo che ho scelto di dargli quando fa i capricci.. una sorta di alter ego alla Doctor Jekyll and Mr Hyde), matura assieme alle parole che emette con sempre maggiore frequenza, precisione, fantasia e originalità. Ieri, per esempio, mi ha guardato negli occhi appena sveglio dopo il pisolino e mi ha detto “Sono stufo”. Ohibò, ho pensato, chissà dove l’ha sentito. Ma dalla faccia, oltre ad averlo sentito, pareva anche aver perfettamente compreso il significato di quell’espressione. La piccola si allarga e si allunga a vista d’occhio. E quello che è più incredibile, per una mamma che era stata abituata a allattare ogni tre ore per cinque mesi il primogenito (sì, parlo di Abelardo…, che neppure di notte saltava mai un giro di tetta..), la mia dolcissima piccola bambina dorme già anche 7 ore di fila. Ma soprattutto, anche quando si sveglia per mangiare, non strilla mai. Semmai si guarda intorno con quegli occhioni grigio azzurri che ha scelto di ereditare dal suo nonno e dal suo bisnonno…sempre che non si tramutino in marrone chiaro. Come confida teneramente la sorellona (che così siamo tutti uguali in famiglia, dice..) Chissà quali paure e speranze ingenerano in sorelle e madri gli occhi azzurri..Sarà che bionda con gli occhi azzurri è la Barbie?

Intanto le nostre lunghe vacanze proseguono in campagna, dove A. (dopo i bagni al mare e i giochi sulla sabbia) sta imparando l’arte dei lavoretti. Spazza per terra con la sua piccola scopa appositamente comprata dalla nonna, che nei momenti di gioco si tramuta in un cavallo da cavalcare; raccoglie frutta e verdura dalle piante e dall’orto; mangia le pere cascate in terra con la buccia, con sopra ancora un po di polvere della campagna. Impara a distinguere dal profumo la mentuccia dal rosmarino; si lava i dentini con la salvia. Aiuta la nonna a selezionare chiodi, viti e ammennicoli vari e li ripone nelle scatoline. Bagna i fiori e le piante di frutta. Mangia tutte le delizie che la nonna bis gli prepara..

E io? Il metodo easy (eat, activity, sleep and you) che tutte le mie amiche mamme conoscono, prevede che nella giornata di mamma di un neonato ci sia anche un piccolo spazio per noi stesse..Beh, non esageriamo: una volta al giorno è un po tanto!!! Però devo confessare che il long massage alle terme di Saturnia che mi è stato regalato nel primo weekend di luglio porta ancora i suoi benefici…e pure stare qui a scriverlo, mentre la piccola dorme e A. è in giro con la nonna a fare la spesa, dà una certa qual soddisfazione…

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Uncategorized